Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/225

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RICCORSO DEI FRATI PER LA RIFFORMA SEGUITA.


SONETTO


Fà 'na leze el Senato Venezian,
    E giusta, e sacrosanta, e benedetta,
    Che dà regola ai Frati d'ogni setta
    4A viver un pò più da bon Cristian.

Gà parso all'Assemblea del Vatican,
    Co i gà visto stampada la ricetta,
    Che la sìa zà 'na cosa maledetta,
    8E dettada sul Stil dell'Alcoran.

I xe riccorsi dal Papa i Generali
    Colle lagreme ai occhj singhiozzando
    11Scortai dai Protettori Gardenali;

E i hà ditto, Padre santo, e venerando,
    Alla fè, co ne manca i cossi zali,
    Nù andemo per el Mondo pittocando.
                        15Ah! Che un vostro comando

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/225&oldid=60898"