Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/223

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DANNI DEI LEGATI AD PIAS CAUSAS.


SONETTO


Se xe stà i nostri vecchj cussì boni
    De lassar crescer tanto i Preti, e i Frati,
    Che le Chiese xe più dei Magistrati,
    4No vorremo esser nù tanto cogioni.

Xe ora d'aver occhio a sti volponi,
    Perchè no vaga avanti più i legati,
    Zà i Patrimonj xe mezzi desfati
    8Per ingrassar sti porchi buzaroni.

Una leze nò solo mi vorrìa,
    Ch'a sta zente gnessun più ghe lassasse;
    11Ma anca quello, ch'i gà, mi ghe tiorrìa;

Che, chi a fondo la cosa esaminasse,
    Vederave, che và l'Opera pìa
    14In pacchiar con puttane, e con bardasse.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/223&oldid=60896"