Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/212

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SIMILE.


SONETTO


Oh, se gavesse tante Doppie in Cassa,
    Quante Puttane con el Prete, e 'l Frate
    Sta Notte hà doperà Mona, e Culate,
    4Quasi hò paura le sarave massa!

Per Dìo, ghe ziogherave 'na ganassa,
    Che ghè pochi de lori in ste zornade
    Che no sìa stà a bagordi, e serenade,
    8E a dormir colla Siora, e col Bardassa.

Se un'altra volta Loth, ch'è scampà vìa
    Dal fuogo, avesse ancuò per farghe scorta
    11I Anzoli, e le Putte in compagnìa;

Che l'avesse da romperghe la torta
    No ghe sarave caso, e 'l gaverìa
    14Una Flotta de Frati in sulla porta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/212&oldid=60885"