Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/211

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SIMILE.


SONETTO


Per trovar drappi, maschere, e baute
    L'altro dì tutti i Frati hò visto in Ghetto,
    Chi la tonega lassa, e chi 'l rocchetto
    4In pegno par andar dalle so Pute.

Addìo Chiostri, addìo Chiese, è finìo tute
    Le devozion; i tende a sto chiassetto,
    I Frati gà sto vizio maledetto;
    8Ch'i manda a fil de Cazzo, e belle, e brute.

Puttane, maridae, Cuoghe, Parone,
    Cameriere xe Cazza reservada
    11A sti Fratazzi delle buzarone.

Vorrìa, che 'l so Cotal fusse 'na spada,
    E, quando le 'l tiol drento ste porcone,
    14Deventasse ogni spenta 'na stoccada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/211&oldid=60884"