Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/206

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


VUOL CONTINNUAR A SCRIVER CONTRO I FRATI.


SONETTO


No me posso tegnir; una ruffiana
    M'hà dito tante cose sta mattina
    Dei Frati, che convien, che mi destina
    4Per sti furbazzi un'altra settimana.

Zonzo sti cento in lengua Veneziana,
    Che in gringola m'hà messo sta Gabrina
    A contarme de Checca, e de Cattina,
    8De Momola, de Laura, e d'Andriana.

Una xe gravia, l'altra hà 'l Culo in pezzi;
    Cussì fà i Frati, Maestà superna!
    11Comodo sopporteù tanti sporchezzi?

Cussì fà ancuò la Religion moderna!
    Cristiani, che diseu? Cussì và i bezzi,
    14Che nù ghe demo par un requie eterna.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/206&oldid=60879"