Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/205

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


A UN, CH'ECCITAVA L'AUTOR CONTRO I FRATI.


SONETTO


Cosa voleu, che diga, caro Fìo,
    De niovo de sti Frati buzaroni?
    Se no ve zolerè ben i bragoni
    4Spesso ghe n'averè qualcun da drìo.

Cossa voleu, che diga, poffardìo?
    Che per la Potta, e 'l Culo sti porconi
    Impegnarìa la Tonega, e i Cogioni,
    8E i manderìa la Religion a Lìo?

Ve dirò, ch'i và sempre volentiera
    In compagnia de qualche Buzaron,
    11E che i è de tutt'i vizj la lumiera;

E, se volè chiappar Frati a boccon,
    Basta, che vù, che sè 'na bella ciera,
    14Tegnì 'l vostro Cul fora dal Balcon.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/205&oldid=60878"