Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/186

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EL CALDO ANNOGGIA TUTTI, FUORCHÈ I FRATI.


SONETTO


Oh che gran caldo; No se puol più; giusto
    Par, che la Terra, el Ciel, e l'acqua boggia,
    A tola de magnar no se gà voggia,
    4De bever solamente se gà gusto.

Le Femene in camisa senza busto,
    Tutti butta vìa i Drappi, e se despoggia;
    Solo ai Frati sto caldo no dà noggia;
    8E sull'ore brusade i trova gusto.

Mi sò, perchè de lori ognun stà saldo,
    Perchè i sà ben sti Frati buzaroni,
    11Che allora i fà prodezze da Rinaldo.

Zà i gà tante Puttane, e Bardassoni
    Che ghe fà per difenderli dal caldo
    14Coi sospiri del Cul fresco ai Cogioni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/186&oldid=60875"