Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/184

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ESCLAMAZION D'UN FRATE, DOPO AVER CHIAVÀ.


SONETTO


Questa sì, che xe Mona intelligente,
    E che sà tutte del sborar le vie;
    Quà Culi averti, e Potte descusìe
    4Vegnive a desgrassar col dar de mente:

Osservè co stupor, co bravamente,
    E sul letto, e a passin, e in banda, e in pìe;
    La zuppega, la lata, e fà pazzie,
    8Mentre indura, e resiste alle mie spente.

Mona degna del Padre General,
    E d'esser fatta maestra de Cappella
    11De tutt'i Frati in dì de Carneval;

Per ti darave fuogo alla mia Cella;
    Stamattina sugandose 'l Cotal,
    14Cussì diseva un Frate alla so bella.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/184&oldid=60873"