Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/183

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


NEFANDA VENDETTA D'UN FRATE.


SONETTO


Un Frate desgrazià con mio contento
    S'hà impestà l'altro dì da 'na barona,
    E dopo, sta infamissima persona,
    4El xe andà in Culo per risentimento.

Oh bella impresa! Oh nobile ardimento!
    Restituir al Cul peste de Mona,
    Per far una vendetta buzarona
    8Scambiar in tanta merda un scolamento!

Frati buzaronazzi, vù sè quelli,
    Che senza carità, senza conscienza,
    11Mandè a fil de Cotal Donne, e puttelli,

E sotto fina ippocrita apparenza
    Fè comparir alfin, Frati ribelli,
    14La buzara vestìa da penitenza.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/183&oldid=60872"