Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/182

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


REMEDIO PER LE DOGIE DEI FRATI.


SONETTO


Sabo de sera un Frate se despogia
    In casa, se no fallo, d'Anzoletta,
    E mentre 'l se dessola la braghetta
    4Ghe salta in te la schena una gran dogia.

Tovagici caldi, unzion con tutta fogia,
    No ghe xe caso in letto, che 'l se metta;
    Nol se puol mover più; la poveretta
    8No sà cosa più far, cosa, che 'l vogia.

Farghe le freghe 'l Diavolo ghe ispira,
    Lù, che se sente furegar da drìo,
    11Ghe vien sù la lussuria, e 'l Cazzo tira.

Ella, che 'l vede cussì inviperìo,
    Se ghe tira da banda, e lù l'impira,
    14E dopo 'na chiavada el xe guarìo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/182&oldid=60871"