Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/181

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ECCESSIVA LUSSURIA D'UN FRATE.


SONETTO


Sù 'na sacra schiavina stravaccà
    Giera Fra Cazz'in Cul, ch'hò cognossù,
    L'andava urlando, come un spirità,
    4E l'invocava el nome de Gesù,

E buttando le gambe in quà, e in là
    Ben el mostrava de no poder più,
    O Frate, vero Frate indemonià,
    8Frate galliotto, Frà beccofottù!

E 'l santo pattelon per so trastulo
    Desbottonando, un Cazzo è vegnù vìa
    11Da far ingelosir qualunque Culo.

Quando, che hò visto mì 'l so mal, qual sìa,
    Per no servir de recipe a quel mulo,
    14Hò scretto 'l bus del Cul, e so' andà vìa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/181&oldid=60870"