Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/180

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA SEPOLTURA DEI FRATI.


SONETTO


Puttana buzarona! Chi hà sentìo
    Un caso, come cuesto, ch'è successo?
    Un capeller la morte giusto adesso,
    4Senza, che 'l se confessa, l'hà sbasìo.

El Frate per sto caso hà stabilìo,
    Ch'in Chiesa tior colù no sìa permesso,
    Ch'in te l'Arca dei Frati 'l vegna messo,
    8Che gnente i crede in sier Domenedìo.

Cussì è stà giudicà, che sìa la bona;
    Ma qual dei Frati sìa l'Arca segura
    11Fantasticando andava ogni persona;

Ma cognoscendo alfin la so Natura
    L'hà stabilìo de sepellirlo in Mona;
    14Che dei Frati è la vera sepoltura.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/180&oldid=60869"