Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/175

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


INVOCAZION A DIO CONTRO I PRETI, E I FRATI.


SONETTO


Sodoma è sta brusada per Decreto
    De quell'eterno Onnipotente Iddìo
    Perchè la possedeva quel diffeto,
    4Che xe tanto empio el xe, e tanto rìo.

Mo per cossa, Signor, soffrì in effeto,
    Che un popolo, che gà da viver pìo,1
    El sìa sì buzzaron, e maledeto,
    8Che tutto 'l zorno 'l vaga in tel Dadrìo.

Castighela sta Razza buzarona,
    E scomenzè l'esempio sora i Frati,
    11E i Preti, ch'in sta forma i ve cogiona.

Fè nascer senza Cazzo sti Prelati,
    E zà, che 'l so pensier xe Culo, e Mona,
    14Castrei, come se fà dei Cani, e i Gati.

  1. Roma
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/175&oldid=60864"