Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/173

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER LA MORTE DELLA SIGNORA CHIARA N. N. DI VICENZA.


SONETTO


Zonta là in Ciel, dove s'imparadisa,
    La Siora Chiara e saludando i Santi,
    La gà dito buon zorno a tutti quanti
    4Con una riverenza da Marfisa;

Pò le Cottole alzando, e la Camisa,
    E a chi 'l Dadrìo mostrando, e a chi'l Davanti
    De so verginità se dava i vanti,
    8E i Anzoli crepava dalle risa.

De Zilj la voleva 'na corona,
    Quando San Pier, perdendo la pacienza,
    11Criò lassù, tasè, vecchia cogiona.

Sò, che sè stà 'na Donna da semenza,
    E che missievi 'l Cazzo, e la Corona,
    14Andè a contar ste buzare a Vicenza.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/173&oldid=60862"