Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/172

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EPITAFFIO SEPOLCRALE AL MEDESIMO.


SONETTO


Quà drento xe sepolto quel Fratazzo,
    Che giera pien de bobbe, e mal francese,
    Che co quel so bestial, tremendo Cazzo,
    4Ai ragazzi rompeva le scorese.

Nò solamente lù fava strapazzo
    Delle case, palazzi, e delle Chiese,
    Ma 'l diseva cogion, e visdecazzo
    8Anca a quel, che ghe fava ben le spese.

L'aveva un grugno sporco, un muso bruto,
    L'averave dormìo anca in t'un fosso,
    11E del Diavolo 'l giera assae più astuto.

Prego tutti i viandanti quanto posso,
    Come, che lù cagava da per tuto,
    14Co i passa per de quà, cagarghe addosso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/172&oldid=60861"