Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/169

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IN MORTE DEL PADRE LODOLI.


SONETTO


Quel scagazzà de Lodoli Fratazzo,
    Quel vero disonor de San Francesco,
    Quel flagello de Nobili in bernesco,
    4E quel dei galantomeni strapazzo;

Quello, che coi apologhi schiamazzo
    Fava in ton insolente, e pedantesco;
    Quel, ch'hà credesto sempre in tel pan fresco,
    8Quel, ch'hà magnà, e bevù d'anemalazzo,

Quell'architetto novo, e immaginario,
    Quel filosofo sporco d'ogni vizio,
    11Quel letterato canto temerario,

Quel, ch'hà fatto alle Donne quel servizio,
    Quel, che gà rotto ai putti 'l taffanario,
    14Quello xe morto. Oh Dìo, che benefizio!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/169&oldid=60858"