Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/170

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Lodoli è morto, quel, che se stimava
    Assae più d'un Dottor della Sorbona,
    Che con quella so lengua buzarona
    4A tutti i panni addosso lù tagiava;

In mezzo alle botteghe lù cagava
    Senza riguardo a qualsesìa persona,
    Buzaron pò cussì, ch'anca a so Nona
    8El sarìa andà in tel Cul, co 'l ghe tirava.

Lù cattava da dir con tutti quanti,
    Che se'l và in Paradiso ghe scometto,
    11Che lù catta da dir anca coi santi.

Se 'l và pò dove, che xe andà Maometto,
    Zuro, per Dìo, ch'a quei Diavoli tanti
    14No puol far el Signor mazor dispetto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/170&oldid=60859"