Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/166

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SIMILE.


SONETTO


Frati, mo la sarave buzarona,
    E no vorrìa, che 'l Mondo la savesse,
    Ch'ancuò la morte no ve rincrescesse
    4De tanto benemerita persona.

La Neni è morta, quella sfondradona
    Prencipessa de tutte le Fratesse,
    Diseghe, poveretta, delle Messe,
    8Che la ve l'hà pagae con tanta Mona.

Sotto bandiera bianca, e berettina,
    Vù altri, che tegnì sempre arrolada
    11Ogni porca, ogni scroa, ogni sgualdrina,

Da tutti i Cazzi vostri immortalada,
    Che ve mora l'Amazone regina,
    14Questa xe 'na desdita buzarada!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/166&oldid=60855"