Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/167

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


El xe tempo per Dìo, buzaradona,
    Ch'all'Inferno ti vaghi a tormentar,
    A tior la pena del to gran peccar
    4Colle man, e col Culo, e colla Mona.

Và là, che quà no ghe xe più persona,
    Che te voggia chiavar, nè buzarar,
    Nè che pur voggia farselo menar,
    8Che i xe stuffi de ti, Porca barona.

Se puol dar, che Pluton là te schiavazza,
    O qualchedun dei dannai più desperà,
    11Che gabbia voggia d'una puttanazza.

Và là scroa, superba, e scarabazza,
    Ch'Osei de fuogo sempre ti averà
    14In t'i Occhj, in tel Cul, nella Monazza.

                        Và, che bon prò te fazza,
Che ad alta vose i ciga quei meschini,
    17Vientene, vien con nù, Porca, a far nini.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/167&oldid=60856"