Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/165

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Frati, e Puttane, che disgrazia è questa?
    La vostra Veneranda gà fenìo;
    Frati, col Cazzo in man andeghe drìo,
    4E vù Puttane colla Mona in testa.

Sora terra sto poco, che ghe resta,
    L'hà volesto 'l so ben farlo compìo;
    Da Munega sta porca i gà vestìo
    8Per no poder d'un Frate aver la vesta;

Empìghe el Cailetto d'inghistere,
    Boccai da pisso con del fuogo drento,
    11Che serva de Turriboli, e lumiere.

De Cale del Carbon tutto 'l Convento
    Ghe fazza pianzer dalle so Fratiere
    14Con lagreme de tanto scolamento.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/165&oldid=60854"