Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/163

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IN MORTE DELLA MEDESIMA.


SONETTO


La Bavellera quella brutta scroa,
    Quella regina delle buzarone,
    L'imperatrice delle ruffianone,
    4Ch'hà tiolto tanti Cazzi in vita soa.

Quel Diavolo, che giera senza coa,
    Ma ghe l'hà messa tante gran persone,
    Ch'hà fatto romper tanti Culi, e Mone
    8Da Cazzi grossi, come xe 'na scoa.

Quella, che per ziogar cercando andava,
    E che giera a tal segno interessada,
    11Che per un traero buzarar se fava.

Quella, ch'una continnua cogionada
    Dava a quei visdecazzi, che comprava,
    14Quella xe morta: siela buzarada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/163&oldid=60852"