Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/162

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


TESTAMENTO DELLA NENI BAVELLERA.


SONETTO


Zà, che son zonta ai ultimi confini,
    Voi disponer de tutte le mie intrade;
    Sia messo sui cantoni delle strade,
    4Dove ghe xe Conventi, i me Santini.

I Frati bianchi, negri, e berettini
    Ve lasso a vù, Puttane buzarade;
    E più per incolarve le Cascade
    8Ve lasso alquanti arnasi da fottini;

Con patto, che a quel Frate tutto mìo,
    Che co tant'altri m'hà servìo de scorta,
    11Ghe dè da fotter per l'amor de Dìo.

Serrè la stalla, che la Vacca è morta,
    E un Deposito fazza mio Marìo
    14Taccandoghe i so Corni sulla porta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/162&oldid=60851"