Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/154

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER LA SOPPRESSION DEI GESUITI.


SONETTO


Una gran compagnia d'Omeni doti,
    Spogiai affatto delle cose umane,
    Che per portar le massime cristiane
    4Xe andai in t'i paesi più remoti,

Che xe stai esemplari sacerdoti,
    Che mai ghe xe stà dà delle condane
    Per averli trovai dalle Puttane,
    8Nè per far alle Donne i mascheroti.

Zente, che fà 'na vita retirada,
    Che per Città mai soli no cammina,
    11Ch'a pissar no s'hà visto mai per strada,

Che studia dalla sera alla mattina,
    Ch'ai teatri, nè ai circoli no bada,
    14Come mai xeli ancuò in tanta rovina?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/154&oldid=60849"