Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/149

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Zà questo xe un poeta, el qual se crede intorno
    Aver tutto'l Parnasso, e mi nol stimo un corno;
15Perchè un Omo, co'l scrive, ma senza rifflession,
    O che nol xe prudente, oppur, che'l xe cogion.
Che nol l'avesse fatta no pagherave un pelo,
    Perchè sò, che dell'Aseno l'ose no và in Cielo,
Anzi ve digo schietto, amigo, e no v'adulo,
    20Da sta sorte de lengue liccar me fazzo 'l Culo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/149&oldid=64798"