Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/147

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Della tal qual Sentenza, che xe nata
    Contro l'Abate Chiari in Capi tre,
    M'aggravo, anzi m'appello, perchè l'è
    4Una Sentenza malamente fata;

Che dal Mondo la sìa tiolta, e desfata,
    E con le cose annesse, che ghe xè,
    E con le antecedenti, come chè
    8De grave pregiudizio alla so schiata.

Adesso, che xe tutto in sospension
    Stante, che la Sentenza xe appellada,
    11Cito Parnasso per intromission;

Perchè, quando de sù la sìa trattada,
    Vederà chiaro chi no xe cogion,
    14Che la xe 'na Sentenza buzarada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/147&oldid=60842"