Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/143

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SOGNO DELL'AUTOR IN RISPOSTA.


SONETTO


Comparme caro; mi me son sognà
    L'altra mattina nel spontar del dì,
    Che quel, che spesso compagnìa ve fà,
    4Giera in una gran colera co mì,

Messo, come un Dindon immusonà,
    Me par, che'l me disesse inviperì;
    Baron, briccon, in dove astu imparà
    8A strapazzare i omeni cussì?

Scosso da ste parole, olà cos'è?
    Me par, che ghe disesse; e presto sù
    11Me alzasse con el dirghe; mo perchè

Aveu st'ira co mi? Nè'l sento più;
    Slongo 'na man, e tiogo, indovinè?
    14I mi cogioni, e credo, che 'l sia lù.

                        El Beccazzo fottù
Voleva dirghe: e me son desmissià
    17Col so Ritratto in man cagà, e spuà.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/143&oldid=60838"