Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/142

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EPITTAFFIO SATIRICO SUL SEPOLCRO DEL CAZZO.


SONETTO


Qui giace di colui chiamato Baffo
    Il membro più viril chiamato Cazzo,
    Che superò in valore ogn'altro Cazzo,
    4E infiniti piacer diede al suo Baffo.

Ora, ch'è privo il miserabil Baffo
    Di sì raro, adorabile gran Cazzo,
    Piange vicino al sasso il caro Cazzo,
    8Che morte tolse prima assai del Baffo.

Or, se il Cazzo morì, che fia del Baffo?
    Come potran disgiunti e Baffo, e Cazzo,
    11Restar, se'l Cazzo ognor fu unito al Baffo?

Ah mora anch'ei, mora dietro al suo Cazzo
    Quel celebre scrittor chiamato Baffo,
    14Ch'altro al Mondo non fu, se non che Cazzo!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/142&oldid=60837"