Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/141

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CASO OCCORSO IN TEMPO DEL FUNERAL.


SONETTO


In tempo, ch'i portava a sotterrar,
    Come savè, con pompa 'l mio Cazzon,
    Che giera zà fenìa l'adorazion,
    4E che s'andava tutti a far segnar,

L'hà volesto una femena chiappar,
    Per veder quanto pesa quel cogion,
    Allora 'l Cazzo xe saltà in senton,
    8E l'hà fatto tutti quanti spiritar.

Chi quà, chi là, chi hà tratto vìa 'l cailetto,
    Chi l'aste, chi i pennelli, ma la Dona
    11Hà sempre tegnù in man quel Cazzo stretto.

Dalla paura pò, che 'l la cogiona,
    Che nol torna a morir in sul so letto,
    14La se l'hà messo tutto quanto in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/141&oldid=60836"