Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/140

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Dei stupendi miracoli se sente,
    Co se leze ste vite de sti Santi,
    Per mi li credo veri tutti quanti,
    4Siben, che mai mi no gò visto gnente.

I dise, ch'in presenza della zente
    I hà dà salute ai infermi agonizanti,
    I hà dà vista, e favella a tant', e tanti,
    8E la vita a dei morti intieramente.

Mi no domando grazie cussì grasse,
    Perchè de veder no meriterìa,
    11Ch'un corpo morto i me ressuscitasse.

Ve digo ben el vero in fede mìa;
    Se al mio Cazzo la vita i ghe donasse,
    14D'andarme a confessar m'impegnarìa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/140&oldid=60835"