Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/139

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Anca mi fussi morto in quel momento;
    Che xe morto'l mio Cazzo, ch'al mio cuor
    No sentirave ancuò tanto dolor,
    4Nè provarìa de Tantalo el tormento.

In sto stato no provo altro contento,
    Che, come no me sento più calor,
    Spero presto d'andar al Creator
    8E che lù me rinova 'l mio strumento.

Desidero morir sera, e mattina,
    Per andar in ti Elisj, e aver la sorte
    11De tornar a chiavar qualche Monina.

De vita me torrìa, ma l'Omo forte,
    E questa de Platon xe la Dottrina,
    14Hà da bramar, no s'hà da dar la morte.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/139&oldid=60834"