Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/138

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


M'arrecordo 'l mio Cazzo poveretto,
    Co 'l giera vivo, i gusti che 'l me dava,
    Se in man de qualche Donna lo puzava,
    4Subito me sentiva un gran diletto;

Se pò in Mona 'l metteva, o in t'un Culetto,
    O che qualche bocchin me lo guatava,
    Provar un godimento lù me fava,
    8Che me staccava l'anema dal petto;

Colla so morte mi gò perso assae,
    E no me resta ancuò, che la memoria
    11D'aver dà delle gran bone chiavae.

Questa per mi xe 'na dolente istoria;
    Basta, ste cose in Ciel xe destinae
    14Prego Venere, e Amor, che l'abbi in gloria.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/138&oldid=60833"