Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/137

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


El mio Cazzo xe morto, e mi no moro!
    Considerè, che vita xe la mìa,
    Uno, ch'a tutte l'ore chiavarìa,
    4Averse da privar de quel ristoro!

Un, che stima la Mona più dell'oro,
    Che gà per ella tanta simpatia,
    Averla da lassar de fuora via,
    8E no poder più entrar in quel tesoro!

Sta vita soffrirìa cussì cogiona
    Quando, che de seguro mi savesse,
    11Che col Cazzo xe morta anca la Mona;

Ma ch'ella viva, e mi gabbia in braghesse
    Del Cazzo a picolon quella testona
    14De portar sempre! Oh questo me rincresse!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/137&oldid=60832"