Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/136

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Del mio Cazzo me par sentir la vose
    Dai Campi Elisj a dirme, ch' 'l m'aspeta,
    Che no fazza de più quà vita inquieta,
    4E che no staga più a portar sta crose;

Che de là starò meggio assae del Dose,
    Perchè ogni zorno mi anderò in Coccheta,
    Che de culate ghè 'na schiera eleta,
    8E tutte quante fresche, come riose.

Cosa voleu pò far quà senza Cazzo,
    Mò no vedeu, che tutti ve cogiona,
    11Ch'un Omo senza Cazzo è un visdecazzo?

Eh via, lassè sta vita buzarona
    Avanti, che v'arriva un altro impazzo,
    14Che no possiè gnanca liccar la Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/136&oldid=60831"