Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/133

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LAMENTO PER LA MORTE DEL CAZZO.


SONETTO


A sto Mondo cos'hoggio più da far,
    Quando, che no gò più Cazzo, nè denti?
    Co se ghe batte 'l fotter, e 'l magnar,
    4Cosa ghe resta ai poveri viventi?

Le altre cose fà tutte da cagar,
    Le cariche xe tanti stornimenti,
    E se coi bezzi no se puol comprar
    8Sti do gran gusti, i bezzi xe tormenti.

Oh! Questi sì, ch'i xe beni reali,
    E i altri xe tanti beni d'opinion,
    11Che se puol dir piuttosto tanti mali.

I studj porta pena, e suggizion,
    E i Omeni xe alfin tanti Coccali
    14Co tutte le so gran meditazion.

                            No ghè altro de bon;
E i gusti, che gà tanti Chiettinoni,
    17A ben pensar xe gusti da cogioni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/133&oldid=60828"