Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/134

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Podessio almanco in sto gran Mar de pianti
    Zà, che no posso star più allegramente,
    Aver el gusto, che gà tanta zente,
    4De seccar tutto 'l dì i cogioni ai Santi.

A questo, a quell'Altar starìa davanti,
    E goderave senza spender gnente,
    E supplirìa coi gusti della mente
    8A tutti i beni, che gaveva avanti.

Diseva un dì per mia consolazion,
    Co no averò più Cazzo, nè contai,
    11Anderò in Chiesa a dir dell'orazion.

I tempi delle purghe xe arrivai,
    Ma me trovo a sta dura condizion,
    14Che no posso far nen, nè far peccai.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/134&oldid=60829"