Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/105

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EL CAZZO IN ANGONIA.


SONETTO


Addìo Mone, addìo Culi, i do bocconi
    Più preziosi del Mondo, da quà avanti
    Bisogna, che me i petta sù i cogioni,
    4Perchè m'è morto el pare d'ogni Santi;

Siben gò fatto dar do gran scorloni
    Da 'na bella manina senza guanti,
    Tanto, e tanto l'è andà, nè hà valso i boni
    8Odori della Mona sacrosanti.

Credendo de poderlo ravvivar,
    Perchè nol giera ancora ben sbasìo,
    11Gò fatto dar un Culo da nasar;

Gnanca per questo no l'è tornà in drìo,
    E l'hà dito nell'atto de spirar,
    14Addìo Mone, addìo Culi, addìo, addìo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/105&oldid=60824"