Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/103

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA DONNA XE PIÙ FELICE DELL'OMO.


SONETTO


Una gran ingiustizia buzarada,
    Che la Natura all'Omo la gà fato;
    Ch'in tutti quanti i tempi nol sia in stato
    4De dar una bonissima chiavada.

La Donna xe assae più privileggiada,
    E in questo 'l so Destin no xe stà ingrato,
    E, co no l'è per caso riservato,
    8La se puol far chiavar anca malada;

Da zovene, da vecchia, da puttella,
    Senz'amor, senza voggia, e senza stento
    11La puol sempre tior drento la Capella.

Ma quel, che mi considero un portento,
    Ch'ancora morta in quella so sportella
    14Ghe ne xe stà, che ghe l'hà messo drento.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/103&oldid=60822"