Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/97

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER LA GRAZIA AVUDA DA CUPIDO.


SONETTO


Hò tanto pregà Amor, che 'l me soleva
    De scriver in materie tonde, e grasse,
    De parlar de puttane, e de bardasse,
    4Che 'l m'hà fatto la grazia, che voleva.

No sento più quel peso, che gaveva,
    Che me tegniva oppresso in cose basse,
    E se i oggetti no xe de prima classe
    8El mio spirito adesso no se leva.

Come mai hoggio fatto sto gran salto,
    Che me par con i dei toccar el Cielo!
    11Forza d'Amor, che m'hà levà sì in alto;

El m'hà scoverto un Mondo assae più belo;
    A tal comparsa, a cussì bell'assalto,
    14Me son messo a svolar, come un Oselo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/97&oldid=60817"