Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/58

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


No patisse cussì chi gà la gotta,
    Come, che per culìa mi gò patìo
    La prima Notte, che co so Marìo
    4La xe andada a dormir, perchè 'l la fotta.

Come chi è bastonà, che crìa a ogni botta,
    Cussì ogni tanto mi criava, oh Dìo!
    Che quel can me la chiava, oh! che granfìoerrata corrige originale
    8D'una gran buzarona, el ghe l'hà rotta.

Per respirar la figurava nua,
    E imaginando tutto el so più bello
    11Ghe dava col pensier qualche fottua;

Ma gnente me giovava; e mi bel bello,
    Mentre Amor me sonava la battua
    14A so saor me son menà l'Osello.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/58&oldid=60807"