Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/59

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Vardeme pur in ciera co destrutto,
    Come la neve al Sol colo desfatto,
    Me destruzo per ti, devento matto,
    4E a sol vardarte me consumo tutto.

Oh! Del zardin d'Amor soave frutto,
    Benedetta la Cocca, che t'hà fatto,
    El tempo, l'ora, el momento, e l'atto
    8De quel Cazzo gentil, che t'hà produtto.

Che belle Tette, che gentil bocchetta,
    Che podesse vederte ai drappi sotto,
    11Che belle chiappe, che Monina stretta!

Stimo più sto boccon, che un terno al lotto;
    Quel zemer pò, quel sporzer de lenguetta!
    14Sboro in terra, per Dìo, se no te fotto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/59&oldid=60808"