Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/57

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Cosa hoggio mai da far più quà a sto Mondo
    Adesso, che no gò più la Morosa,
    La vita m'è vegnua cussì nojosa,
    4Che della Luna anderìa a star nel tondo.

No sò quel, che me diga, me confondo,
    Co sento, che la xe fatta la sposa,
    Che un buzaron in quella so pelosa
    8Ghe metterà l'Osello fin al fondo.

Oh che notte per mì, che sarà quella,
    Quando, che saverò, che la và in letto
    11Per tior drento del Cazzo la Cappella!

Se me podesse far un Oselletto,
    Mi me contentarìa per star con ella,
    14Starghe tutta la notte in tel culetto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/57&oldid=60806"