Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/56

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Cosa, che pagherave d'esser mì
    El novizzo de quella, che me piase,
    Che me la chiavarìa in santa pase
    4Tutta quanta la notte, e tutto el dì.

Sarave ben contento allora sì
    Veder, che la stà salda, e che la tase,
    E che a farse toccar no ghe despiase,
    8Nè a tiorlo drento sin, che la puol pì;

Che gran gusto averìa, se in quel so vaso,
    Che gò tanto liccà de fora vìa,
    11Mi ghe podesse alfin metter el naso!

Ve zuro, per la Verzene Marìa,
    Che, se pò succedesse mai sto caso,
    14Al Re de Franza ghe n'incagherìa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/56&oldid=60805"