Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/55

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Donca la mia Morosa xe novizza!
    Che gran travagio, che per mi xe questo,
    Che no posso toccarghe mai più el cesto,
    4Nè grattarghela più, co la ghe pizza!

Come chi vuol a un Can tiorghe la Chizza,
    Quando, che la và al salto, e lù sia lesto
    De farghe quel servizio presto presto,
    8Dalla rabbia el se innalbera, e 'l se instizza;

Cussì mi son, che in tempo, che sperava
    De tirarghe alfin suso la carpetta,
    11Ho da veder, che un altro me la chiava.

Posso ben dir: Fortuna maledetta!
    Tanto fà, che l'Osello mi me cava,
    14Se ho perso quella Mona benedetta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/55&oldid=60804"