Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/54

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA SO MOROSA È PROMESSA A UN ALTRO.


SONETTO


Dopo, che per culìa mi ho tanto fato,
    Che ho speso, e spanto assae per contentarla,
    Senza, ch'abbia podesto mai toccarla,
    4Dell'impianton el ballo la m'hà dato.

Per maridarse la gà serrà el contrato,
    Tanto, che andar no posso più a trovarla,
    Che ben mi ghe dirìa de buzararla,
    8Se per ella mi son deventà mato;

Ma zà, che no ghe posso più parlar,
    Almanco, che podesse in quella sera
    11Star là anca mì, co la se fà chiavar;

Che mi no la vorrìa perder intiera,
    O me vorrìa l'Osello ben menar,
    14O vorrìa buzararghe la massera.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/54&oldid=60803"