Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/52

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER LA PERDITA DELLA SO MOROSA.


SONETTO


De tante Donne, che xe in sta Cittae,
    De una sola me son innamorao,
    Ma all'improviso xe vegnù un cagao,
    4Che me l'hà tiolta senza caritae.

Gavessio almanco tiolta l'onestae,
    Che adesso no sarìa cussì arrabiao,
    O per no esser tanto cogionao
    8Gavessio almanco dà do buzarae!

Ma senza, che ghe tocca gnanca el Culo,
    Che l'abbia da veder a un altro in brazzo,
    11A un, che ghe darà chiavae da mulo!

La xe una cosa, che me dà un impazzo,
    Che più no godo de gnessun trastulo,
    14E no ghe penso più d'aver el Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/52&oldid=60801"