Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/45

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RACCONTO D'UN SOGNO ALLA SUA BELLA.


SONETTO


Senti, Nina, sta notte m'hò insognà,
    Che gierimo sul letto collegai,
    E fevimo quel ziogo, che se fà
    4Quando se xe novizzi, o maridai.

Ti me disevi, spenzi, e più, che mai
    Mi spenzeva, e sto ziogo xe durà
    Infin, che semo tutti dò stuffai,
    8E giusto allora mi son desmissià.

Ti te puol, Nina cara, immaginar
    Come, che 'l me tirava in quel momento,
    11E quanto allora mi gò bù a bramar.

E per levarme cussì gran tormento
    Me l'hò con gusto scomenzà a menar,
    14Finchè sborando so' restà contento.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/45&oldid=60793"