Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/46

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


INNAMORAMENTO DELL'AUTOR.


SONETTO


Son tanto innamorà d'una ragazza,
    Che ghe darìa le viscere, e anca el cuor,
    A segno tal me xe cressù l'amor,
    4Che me renegarìa per sta bardazza

Come un'occa, che in acqua se sbabazza,
    Mi me sbabazzarave in quell'umor,
    Che ghe vien dalla Mona, e in tel odor
    8Del so cul, co la fasse una smeggiazza.

Per tutto ghe vorrìa metter le man,
    E tanta xe la voggia, che me sento,
    11Che ghe la licarave, come un can.

Sentì cosa, che digo, e no me pento;
    Mi me contentarave in fin doman
    14Tegnirghe in Mona tutto 'l muso drento.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/46&oldid=60794"