Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/39

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Nò zà Omo de Mondo, che se sà,
    Che subito l'Osel ghe stà tirà,
                    18Ma ancora in verità

Un Bardassa, un Puttello, ogni persona,
    Che dopo nato no hà toccà la Mona,
                    21Che vive zò alla bona

Colla leze de quel, che ghe comanda
    La gran Mona lassar sempre da banda;
                    24Questo, chi me domanda,

Che Diavolo lù xè; mi ghe dirò,
    Xenocrate l'e stà, per quanto sò,
                    27E a dirghe el nome sò,

Filosofo cogion, e visdecazzo,
    Che in vita soa no gà godesto un Cazzo.
                    30Almanco mi sto impazzo

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/39&oldid=64731"