Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/34

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PREMIO, E CASTIGO.


SONETTO


Zoroastro all'Inferno un dì xe andà,
    E senza d'una gamba hà visto un Rè;
    L'hà domandà a quei Diavoli el perchè
    4El sia senza una gamba vegnù là.

I hà risposto, che come l'hà peccà,
    Per questo a Cà del Diavolo lù xè,
    Ma che la gamba hà fatto un non sò chè
    8De bon, che 'l Paradiso hà merità.

I hà dito, che con quella ad un Camelo
    El gà dà da magnar, e st'azion bona
    11Hà fatto, che la gamba vaga in Cielo.

Co l'è cussì, mi digo, che la Dona,
    Che darà da magnar al nostro Oselo,
    14Anderà zò, ma anderà in Ciel la Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/34&oldid=60785"