Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/32

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'IPOCRISIA LEVA I BENI DATI DA DIO.


SONETTO


Vago filosofando, come mai
    Se possa dir, ch'essendo lussuriosi
    I Omeni per natura, e anca golosi,
    4La lussuria, e la gola sia peccai.

Me par, ch'i sia i gran matti buzarai
    Quelli, che xe a sto segno scrupolosi;
    Me consolo, ch'i Omeni studiosi
    8Ne fà veder, che semo cogionai.

Ma se questo xe un ben, che Dìo n'hà dà,
    El privarse mi digo, e lo sostento,
    11Ch'anzi tutto all'opposto xe peccà.

Massa ben, che mi senza gran talento
    No me son sù sto ponto cogionà,
    14Se hò magnà sempre, e sempre so' andà drento.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/32&oldid=60783"